EGAF - Edizioni Giuridico Amministrative e Formazione

Strade e segnaletica - in generale

Stampa questa pagina

Micromobilità elettrica

Veicoli (monopattini) e dispositivi (monowheel, hoverboard, segway) - disciplina nazionale e analisi fenomeno UE e extra UE

Coordinamento:

Autori (in ordine quantitativo di contributi):

 

CONTENUTO

La mobilità in ambito urbano costituisce un rilevante problema da sempre e in questi ultimi tempi ancor di più, a seguito delle limitazioni dovute al periodo di emergenza per coronavirus, e quindi alla ridotta capacità ricettiva dei mezzi di trasporto collettivi, specie nelle ore di punta.

Anche se una parte delle nostra attività è, e sarà, svolta in smart working, è tuttavia certo che in buona parte deve svolgersi in compresenza e ciò presuppone il movimento dei cittadini che non si può risolvere con i veicoli a motore personali.

L’inevitabile congestione del traffico, l’inquinamento atmosferico, gli spazi stradali intasati condizionerebbero la vita commerciale e sociale, soprattutto nei centri storici.

La soluzione non può essere relegata alla tecnica e alla modalità dei trasporti ma affidata anche ad una pianificazione razionale del contesto urbanistico. Pertanto, nell'ambito dei trasporti, è indispensabile adeguare l'ambiente stradale ad una mobilità non motorizzata e a una micromobilità elettrica che comprende i dispositivi per la mobilità personale (monopattini elettrici, hoverboard, segway e monowheel) di grande successo in alcuni Stati europei, soprattutto grazie al servizio a noleggio (sharing mobility).

In Italia è stata autorizzata, in via sperimentale, la circolazione dei dispositivi di micromobilità elettrica, demandandone ai Comuni le modalità operative. Successivamente il monopattino elettrico è stato equiparato alle biciclette, dando quindi impulso alla sua diffusione in ambito urbano.

Questa pubblicazione, in continuità con i precedenti volumi, “Percorsi pedonali” e “Mobilità ciclistica e sicurezza”, che seguono i temi trattati nella collana “Tecniche per la sicurezza in ambiente urbano”, analizza l’impiego dei dispositivi di micromobilità elettrica, esaminando le diverse normative o linee guida di Paesi europei e confrontando tra loro le sperimentazioni avviate nei comuni italiani. Sono stati evidenziati alcuni problemi di sicurezza nella circolazione dei monopattini elettrici e suggerite soluzioni.

Il taglio manualistico consente applicazioni immediate, utili ai giovani progettisti, di stimolo per i più esperti e di supporto per tutti i tecnici che operano nel settore dei trasporti, delle infrastrutture viarie, della pianificazione urbanistica, in particolare negli enti pubblici.

La pubblicazione è il frutto di molteplici professionalità sia dal mondo universitario con il prof. Giulio Maternini che ha curato la pubblicazione, il prof. Matteo Ignaccolo, l'ing. Benedetto Barabino, l'ing. Stefania Boglietti, l'ing. Michela Bonera, l'ing. Roberto Ventura, sia da funzionari di due ministeri: l'ing. Alberto Andreoni del MIT - Direzione generale della motorizzazione e il dott. Giandomenico Protospataro del Ministero dell’interno - Polizia di Stato, sia, infine, del mondo professionale della fiscalità con il dott. Giuliano Coli.

 

STRUTTURA

A

MICROMOBILITÀ ELETTRICA - TEMATICHE GENERALI

A1 Introduzione
A2 Esperienza in alcuni Paesi europei
A3 Caratteristiche tecniche dei singoli dispositivi
B ESPERIENZA IN ITALIA
B1 Ambiti stradali
B2 Segnaletica stradale
B3 Requisiti tecnici dei dispositivi
B4 Sperimentazione in Italia
C IMPATTO E ANALISI DELLA DOMANDA DI MICROMOBILITÀ ELETTRICA
C1 Impatto sul sistema di trasporto pubblico in esercizio
C2 Studio sulla domanda
D MICROMOBILITÀ ELETTRICA: COMPORTAMENTO E SANZIONI
D1 Requisiti per la conduzione dei dispositivi di micromobilità individuale
D2 Norme di comportamento specifiche durante la circolazione dei dispositivi di micromobilità
D3 Applicazione di altre norme di comportamento
D4 Sanzioni dispositivi di micromobilità
E MONOPATTINI ELETTRICI: COMPORTAMENTO E SANZIONI
E1 Requisiti per la conduzione dei monopattini elettrici equiparati ai velocipedi
E2 Norme di comportamento specifiche durante la circolazione dei monopattini elettrici
E3 Norme di comportamento generiche degli altri velocipedi
E4 Altre norme di comportamento applicabili alla circolazione dei monopattini elettrici
E5 Sanzioni per circolazione dei monopattini elettrici
F SICUREZZA DELLA MICROMOBILITÀ E DEI MONOPATTINI ELETTRICI
F1 Andamento dell'incidentalità degli utenti deboli della strada
F2 Percezione del rischio di incidentalità da parte degli utenti
F3 Sicurezza negli attraversamenti stradali dei monopattini elettrici
F4 Alcune considerazioni riguardanti gli shock elettrici
G DINAMICA E STABILITÀ DEI MONOPATTINI ELETTRICI
G1 Comportamento dinamico dei veicoli a due ruote
G2 Prestazioni dei sistemi frenanti dei monopattini
G3 Stabilità dei monopattini nei confronti delle irregolarità della via di corsa
H BENEFICI FISCALI E INCENTIVI NELLA CIRCOLAZIONE
H1 Bonus alla micromobilità
I APPENDICE - MICROMOBILITÀ NEI PAESI UE
I1 Austria
I2 Belgio
I3 Danimarca
I4 Finlandia
I5 Francia
I6 Germania
I7 Norvegia
I8 Paesi Bassi
I9 Regno Unito
I10 Spagna
I11 Svezia
I12 Svizzera

Libri - In breve

    • Edizione: 1° - Giugno 2020
    • ISBN: 978-88-352-1048-1
    • Pagine: 256
    • Formato: 14 x 20.5
    • Prezzo: € 19,00
    • AGGIUNGI
    • Novità